Pagina:La scotennatrice.djvu/185

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la scotennatrice 181


— Se vi è ancora del grisou, niente di meglio. Almeno salteremo tutti in aria e le vòlte ci schiacceranno ben bene.

«Non si può sempre raggiungere i cent’anni, specialmente per chi abita la prateria, che diamine!...

E si mise a fumare tranquillamente, approfittando degli ultimi sprazzi di luce che mandava ancora la morente lampada.

....................



XVIII.


Le eccentricità di Lord Wylmore.


— Belzebù sagrato!... Venite sì o no, milord?

— Io non volere venire con mister brigante.

— Corpo di mille tuoni!...

— Aho!...

— Venite?

— No, mister. Io non avere mai accompagnato briganti.

— E questa volta mi accompagnerete, corpo di un orso nero!...

— No, mister.

— Vivaddio!... Siete tutti così testardi, voi inglesi?

Yes.

— Bisogna dunque accopparvi a pugni per costringervi ad arrendervi?

— Aho!... Non accoppare sempre John Bull.

— Se mi ci metto, rompo le gambe ed anche le corna a tutti i tori inglesi, milord, parola di Sandy Hook.

— Io non credere questo.

— Ma non capite, milord, che se noi non approfittiamo di questo momento, quei disgraziati non usciranno mai più vivi da quella prigione e che le loro capigliature finiranno nelle mani della sakem.

— A me non importare niente, mister brigante. Quella gente avere me lasciato solo nella prateria senza uccidere bisonti.

«Tutti briganti in questo paese.

— Avete una bisontite acuta, milord?

— Io cercare guarire mio spleen.

— Coi bisonti?

Yes mister brigante.