Pagina:La secchia rapita.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116 CANTO


XXIII.


Tal la gente del Po, che pria fuggiva
     Dalla tempesta di Manfredi irato,
     Poichè Voluce anch’ei le soprarriva
     188E ’n lei doppia il terror freddo e gelato,
     Con disordine tal, fuggendo, arriva
     Tra il popol di Fiorenza a destra armato,
     Che seco lo trasporta, e lo sbaraglia,
     192E lo fa seco uscir della battaglia.

XXIV.


Segue Manfredi, e d’armi e di bandiere
     Resta coperto il pian dovunque passa,
     Fende Voluce or queste or quelle schiere,
     196E memorabil segno entro vi lassa.
     Pippo de’ Pazzi, e Cecco Pucci ei fere,
     Beco Stradini, e Pier di Casabassa.
     Seco è il Duara: e per foreste e boschi
     200Fuggon dispersi i Ferraresi e i Toschi.

XXV.


Ma non fuggon così già i Perugini
     Nè la cavalleria del Malatesta;
     Anzi come fu noto ai pellegrini
     204Fregi il Duara e alla pomposa vesta,
     L’arroncigliar con più di cento uncini
     Nelle braccia, ne’ fianchi e nella testa.
     Fate pian, grida Bosio: aiuto, aiuto:
     208Non stracciate; che ’l saio è di velluto;

XXVI.


Fermate i raffi,

ch’io mi do per vinto

     Non tirate, canaglia maladetta
     Che malann’aggia il temerario instinto,
     212Perugini, ch’avete, e tanta fretta.
     Così dicendo, fu subito cinto,
     E fatto prigionier dalla cornetta
     Del capitan Paolucci; indi, legato
     216Sopra un roncino, a Crespellan menato.