Pagina:La signora dalle camelie.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 40 —


Duvernoy. Poco fa ha ricevuto una lettera?

Nanetta. Eccola.

Duvernoy. E che cosa ha risposto?

Nanetta. Nulla.

Duvernoy. Tornerà presto?

Nanetta. Ho paura che passi la notte fuori di casa. Ma io vi credeva al riposo.

Duvernoy. Infatti vi sarei, se non fossi stata risvegliata da replicati colpi dati alla mia porta... Io sono andata ad aprire... (si bussa).

Nanetta. Entrate.

Servo. La signora chiede la sua pelliccia, perchè dice che la sciarpa è troppo leggiera.

Duvernoy. La signora Gautier è forse abbasso?

Servo. Sì, nella carrozza alla porta di strada.

Duvernoy. Allora pregatela a ritornare, e ditele che la signora Duvernoy l’attende con somma premura.

Servo. Ma la signora non è sola.

Duvernoy. Non importa; andate. (il servo esce) Se essa non ritorna, il signore Armando sarebbe capace di uccidersi.

Nanetta. Come?

Duvernoy. Non lo sapete? quello che batteva alla mia porta era lui! Egli sa che io sono l’amica di Margherita, e per questo è salito da me.

SCENA OTTAVA


Margherita e dette.


Margherita. Eccomi da voi, signora Duvernoy. Qual buon vento vi conduce a quest’ora?

Duvernoy. Armando è in casa mia.