Pagina:La signora dalle camelie.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 50 —


Margherita. E perchè?

Armando. Io l’aveva pregata ieri di passare al mio alloggio e di recarmi le lettere, se al caso ve ne fossero, perchè sono quindici giorni che non vado a Parigi, ed ella se ne è dimenticata. Per cui è necessario che ti lasci per un’ora o due. Da un mese non ho scritto a mio padre. Tutti ignorano il luogo del mio ritiro, perchè ho voluto scansare gli importuni. Gustavo ed Erminia sono qui a tenerti compagnia; io prendo posto nel primo omnibus, vado di volo a casa mia e subito sono di ritorno.

Margherita. Va’ pure, amico mio. Ma se tu non hai scritto a tuo padre, non è già per colpa mia; spesse volte t’ho suggerito dì farlo; però torna presto; ci troverai in questo luogo a lavorare ed a parlare di te.

Armando. Fra due ore io sono di nuovo ad Auteuil. (Margherita l’accompagna sino alla porta, quindi s’avvicina alla Duvernoy)

Margherita. Tutto è accomodato?

Duvernoy. Sì.

Margherita. Le carte?

Duvernoy. Eccole. Il procuratore verrà da voi quest’oggi. Io vado a far colazione, perchè, a dirvi la verità, muoio dalla fame.

Margherita. Andate di là; Nanetta vi darà tutto quello che desiderate. (La Duvernoy esce)

SCENA TERZA


Margherita, Gustavo ed Erminia, poi Nanetta.


Margherita. Tu vedi, Erminia, qual è il nostro tenore di vita da tre mesi a questa parte.