Pagina:La signora dalle camelie.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 55 —



Margherita. Ma Armando non è qui.

Duval. Lo sapevo; ma è a voi sola che vengo a chiedere una spiegazione, ed io spero che mi ascolterete. Mio figlio compromette per voi il suo onore e si rovina.

Margherita. Oh!

Duval. Ve lo ripeto; Armando si rovina.

Margherita. Grazie a Dio, non havvi più alcuno che si ricordi di me, ed io nulla accetto da Armando.

Duval. Ciò vuol dire che mio figlio è tanto miserabile e vile per dissipare con voi quello che ricevete dagli altri.

Margherita. Perdonate, o signore, ma io sono una donna e sono in casa mia, due ragioni che dovrebbero parlarvi in mio favore; il tuono con cui mi parlate non è quello che mi sarei aspettato da un uomo d’esperienza, che ho l’onore di vedere per la prima volta, e...

Duval. E...

Margherita. E voi mi permetterete che io mi ritiri, più ancora per voi che per me stessa.

Duval. In verità, o signora, che quando alcuno si trova alla vostra presenza e vi sente parlare, appena può credere che queste parole siano formole preparate. Mi avevano detto prima di venir qui che siete una donna pericolosa.

Margherita. Sì, o signore, pericolosa, ma per me sola e non per gli altri.

Duval. Pericolosa o no, non è men vero che Armando si rovina per voi.

Margherita. Ed io vi ripeto, o signore, con tutto il ri-