Pagina:La traviata.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24

Flora Meco t’assidi, narrami, quai novità vegg’io?..

(fa sedere Violetta presso di sè sul divano; il Dottore si avvicina ad essa che sommessamente conversano; il Marchese si trattiene a parte col Barone, Gastone taglia, Alfredo ed altri puntano, altri passeggiano.)

Alfredo Un quattro!

Gastone                     Ancora hai vinto.

Alfredo                                                   Sfortuna nell’amore
Vale fortuna al gioco... (punta e vince)

Tutti                                           E sempre vincitore!...

Alfredo Oh vincerò stassera; e l’oro guadagnato
Poscia a goder fra’ campi ritornerò beato.

Flora Solo?

Alfredo         No, no, con tale, che vi fu meco ancor:
Poi mi sfuggia...

Violetta                       (Mio Dio!)

Gastone                                     (Pietà di lei) (ad Alfredo indicando Violetta)

Barone (ad Alfredo con malfrenata ira) Signor!...

Violetta Frenatevi, o vi lascio. (piano al Barone)

Alfredo (disinvolto)                 Barone, m’appellaste?

Barone Siete in sì gran fortuna, che al gioco mi tentaste.. (ironico)

Alfredo Sì?.. la disfida accetto...

Violetta                                         (Che fia?.. morir mi sento!)

Barone Cento luigi a destra... (punta)

Alfredo                                       Ed alla manca cento... (punta)

Gastone Un asso... un fante... hai vinto!.. (ad Alfredo)

Barone                                                     Il doppio?...

Alfredo                                                                 Il doppio sia.

Gastone Un quattro... un sette... (tagliando)

Tutti                                          Ancora!...

Alfredo                                                     Pur la vittoria è mia!

Coro Bravo davver!.. la sorte è tutta per Alfredo!..

Flora Del villeggiar la spesa farà il baron, già il vedo.

Alfredo Seguite pur... (al Barone)

Servo                   La cena è pronta.

Flora                                            Andiamo.

Coro                                                         Andiamo. (s'avviano)

Alfredo Se continuar v’aggrada... (tra loro a parte)

Barone                                         Per ora nol possiamo.
Più tardi la rivincita.

Alfredo                                     Al gioco che vorrete.

Barone Seguiam gli amici, poscia...

Alfredo                                             Sarò qual mi vorrete.

Tutti (entrano nella porta di mezzo; la scena rimane un istante vuota)