Pagina:Laerzio - Vite dei filosofi, 1842, I.djvu/196

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

163


CAPO XII.


Critone.


I. Critone ateniese fu particolarmente tenerissimo di Socrate, ed ebbe tanta cura di lui, da non lasciarlo mai privo del necessario.

II. Anche i suoi figli Critobulo, Ermogene, Epigene e Ctesippo furono discepoli di Socrate.

III. Critone scrisse diciassette dialoghi che vanno attorno in un volume e s’intitolano: Che i buoni non fa la dottrinaDel possedere assaiChe cosa è l’opportunità, ovvero PoliticoDel belloDel mal fareDel buon ordineDella leggeDella divinitàDelle artiDel coitoDella sapienzaProtagora o il PoliticoDelle lettereDella poeticaDel belloDella educazioneDel conoscere o del sapereChe sia sapere.