Pagina:Landi - Vita di Esopo, 1805.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

F A V O L E 219

rere era veloce, ed in ciascuna cosa m’assomiglio a lui. Indi a pochi dì accadde alla Mula correr forte, e non potendo più, disse: Oimè, che io pensava esser figliuola di un Cavallo, ma ora mi ricordo, che io fui figliuola di un’Asino.

Sentenza della favola.

La favola significa, che i pazzi nelle prosperità si scordano di loro medesimi, e nelle avversità si ricordano di quel che sono.


Di un Medico. 214.


Un Medico curava uno infermo, il quale morì per sua negligenza, e portandosi alla sepoltura, disse il Medico: Se costui si fosse astenuto dal vino, ed avesse usato spesso li cristieri non saria morto. Uno di quelli, che ivi stavano presenti rispose al Medico, dicendo: Questi consigli tu dovevi dargli quando giovavano, ora che importano.

Sentenza della favola.

Quando si deve consigliare un amico, si deve farlo quando importa, perchè quando non importa, è un beffeggiarlo.


Del Castore. 215.


Il Castore è un’animale da quattro piedi, che si nutrisce in acqua, ed in terra, li cui testicoli son utili a molte Medicine; Esso, quando è perseguitato, fugge quanto può, e nò potendo più fuggire strappa coi denti i proprj testicoli e gettali alli Cacciatori, e così fugge la morte.

Sentenza della favola.

Questa favola significa, che l’uomo sag-