Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CINO DA PISTOIA

Però membrando ciò testé, che avere
Non posso da tutt'ora tal conforto,15
Dunque sarebbe me’ ch’io fosse morto.
     Di morir tengo col corpo mia parte;
Chè non avrei se non minor tormento,
Ch’io aggia stando senza veder lei.
Deh, travagliar mi potess’io per arte20
E gir a lei, per contar ciò ch’io sento
O per vederla, ch’altro non vorrei!
Piangendo le direi
— Donna, venuto son per veder voi;
Ch’altro che pena non senti’, da poi25
Ched io non vidi la vostra figura.
Menato m’ha ventura
A veder voi, cui mia vita richiede:
Certo che in me si vede
Pietà visibil, se porrete cura30
Ciò che vi mostra il mio smagato viso,
Che mostra fuor come Amor m’ha conquiso. —
     Quand’ïo penso a mia leggiera vita
Che per veder madonna si mantiene,
È la cagion per che io sto gravoso:35
E ’l gaio tempo presente n’invita
Per la fresca verzura a gioia e bene
Chi si sente aver core disïoso:
Ciascheduno amoroso
Va per veder quella donna che ama:40
E ciò vedendo, l’alma mia s’imbrama
Tanto ch’ella non pote star in pace;
Col cor lamento face,
E dice — Lassa!, che sarà di meve? —
Lo core dice — Fia tua vita greve,45
Secondamente ch’ai nostro Amor piace. —
Volesse Dio che, avanti ch’io morissi,
La vedess’io, che consolato gissi.



— 110 —