Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CINO DA PISTOIA

     5Com’io passai per lo monte Apennino;
Ove pianger mi fece il bel sembiante
Le trecce bionde e ’l dolce sguardo fino;
Che Amor con l’una man mi pone avante,
     E con l’altra in la mente mi dipinge
10Un piacer simile in sì bella foggia,
Che l’anima guardandol se n’estinge;
     Poscia dagli occhi miei mena una pioggia
Che ’l valor tutto di mia vita stringe,
S’io non ritrovo lei cui ’l voler poggia.




CV


     Io fui ’n su l’alto e ’n sul beato monte,
Ove adorai baciando il santo sasso,
E caddi ’n su quella pietra, ohimè lasso!,
Ove l’Onesta pose la sua fronte
     5E ch’ella chiuse. d’ogni virtù ’l fonte.
Quel giorno che di morte acerbo passo
Fece la donna dello mio cor lasso,
Già piena tutta d’adornezze conte.
     Quivi chiamai a questa guisa Amore
10— Dolce mio dio, fa’ che quinci mi traggia
La morte a se, che qui giace il mio core. —
     Ma poi che non m’intese il mio signore.
Mi dipartii pur chiamando Selvaggia;
L’alpe passai con voce di dolore.




― 126 ―