Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/172

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
GRAZIUOLO DE’ BAMBAGIUOLI



IX

Quale de’ essere lo virtuoso rettore al governo della sua città.


     Non regga alcun signore a volontade,
Ma con pura ragione
Ami li suoi subbietti in unione
Intento al ben della comunitade;
5Viva discreto affabile e piacente,
E farà a se d’amore ogni uom servente.



X

Della virtù del ben comune.


     Quant’è perfetto il ben, tanto più vale,
Quant egli è più comun e generale;
Perchè ciascun contenta e satisface,
E nascene unione e dolce pace.



XI

Del reggimento virtuoso della sua famiglia.


     Tenga il signor famiglia di boutade,
Accorta d’onestade;
E sia ciascuno al suo fine ordinato:
E s’alcun fosse folle o vero ingrato
5No ’l tardi far lontano;
Perchè ne guasta mille un non ben sano.



- 166 -