Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/189

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

RIME

IV

IN MORTE DI DANTE ALLIGHIERI


     Sonetto pien di doglia, scapigliato
Ad ogni dicitor tu te n’andrai,
E con gramezza a lor racconterai
4L’orribil danno il qual n’è incontrato.
     Chè l’ultimo periglio disfrenato,
Il qual in se pietà non ebbe mai,
Per darne al cor tormento e pene assai.
8Nostro dolce maestro n’ha portato;
     Cioè il sommo autor Dante Alinghieri,
Che fu più copioso in iscïenza
11Che Catone, Donato o ver Gualtieri.
     Chi ha senno di vera conoscenza
Ne dee portar affanno nei pensieri.
14Recandosi a memoria sua clemenza.

(Dal volume II delle Poesie italiane inedite di dugento autori, ecc., pubblicate da Francesco Trucchi; che ricavò il secondo e il terzo di questi Sonetti dal Cod. Vat. 3213, e il quarto dal Riccard. 1118.)