Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/273

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

RIME

Per far più brievi stili,
Saran pagati col gran prete errante.1
Volgomi al leofante2
Che fu del mondo tutto dominante,
280Che perderà le tre parti del cuore;
E il suo maggior dolore
Ragguaglierà il minore. — E la sua balia,
Ed il corno d’Italia,3
E le isole del zolfo e del foco,4
285E il côrso e il sardo loco,
Col lor traditor giuoco.
Piangeranno i lor morti
Ed i lor vivi torti;
E fia lor colpa e pena pareggiata.
290     Gente con gente cruda e dispietata,
Re contro a re armata;
E popoli e province stretti a’ ferri,
E di moltiplicati erri;
Di Ninive e di Tebe odo le strida
295E le troiane grida,
Gli stormi pompeiani e di Guiscardo,
E ’l figlio longobardo;
Attila Brenno Annibale affricano;
Tutti gli scempi che fe mai romano
300O Serse o Dario o Ciro o Maccabeo
O vuoi cristian saracino o giudeo;
Ceperan, Montaperto, Campaldino,
Altopascio..... e Montecatino.
Il giudicio divino
305Farà novelli a noi li detti scempi.
E fien propinqui i tempi
Che fia pestata la dolente salsa
Con molta gente falsa,
Serpi, sirene, nottole e leoni,
310Mosche, cani e scorpioni,

  1. Gran prete errante: ciò è il Papa.
  2. Leofante: ciò è Roma.
  3. Corno d’Italia: ciò è Roma.
  4. L’isole del regno di Sicilia

—267—