Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/343

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

RIME

XII


     Non perchè spesso allontanar mi sogli,
Fortuna, dalle mie luci divine,
Non piogge o tempi gelidi o pruine
4Faran che ’l primo mio voler mi svogli.
     Un pensier dice — Or il bel nodo sciogli.
Lascia quest’onte misere e meschine: —
Ma poco vai, ch’io patirò per fine
8Che di queste mortal membra mi spogli:
     Nè saran mai pensier tanto aspri e gravi
Nè fato contra me d’ira sì pieno,
11Nè dura impressïon, qual vuo’ si sia:
     Che ’l dolce sguardo e i begli occhi soavi
E ’l caro aspetto angelico non sièno
14Pace speranza vita e morte mia.




XIII


     Tornato è l’aspettato e chiaro giorno,
La luce a gli occhi, e al cuor gli spirti intieri,
E l’aura dolce a’ miei stanchi pensieri;
4Ond’io da morte a vita oggi ritorno:
     Riveduto ho ’l celeste viso adorno
Dal qual vita Amor vuol sempre ch’io speri,
E ’l vago sguardo de’ begli occhi altieri
8Che rasserena ’l cor pensoso intorno.
     Quest’è l’unica gloria che soverchia
Vostre virtù, quanto ’l sole ogni stella,
11Donne leggiadre; non l’abbiate a schivo.
     Cosa non è, quanto il ciel primo cerchia.
Sì mirabil sì cara nè sì bella,
14Come costei di cui ragiono e scrivo.




— 337 —