Pagina:Le Vicinie di Bergamo.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

PREFAZIONE




L’argomento, che imprendo a trattare, non è che lo svolgimento di quel brevissimo cenno che si trova nella Storia del Diritto Italiano del Pertile, dove, dopo essersi passate in rassegna tutte le magistrature del Comune, si avverte: «Oltre alle quali — ve ne aveva pei singoli quartieri, o per le diverse parrocchie, la cui missione era principalmente la tutela degli interessi del proprio riparto, la locale polizia e la denunzia dei delitti che vi venivano commessi1». Che fossero le Vicinie, dette altrove parochiae, come a Milano ed a Novara2, ovvero capellae, come a Pisa3; qual parte avessero nell’ordinamento della nostra città; come esercitassero le loro funzioni, mi parve dovesse essere una ricerca tanto più interessante, per questo, che fra noi, s’io non erro, non vi fu alcuno che particolarmente si occupasse di un tale

  1. Pertile St. d. Dir. It. II, 1, 151.
  2. V. avanti pp. 9, 95 e Corio I, 575, 576 seg., 587 (Milano 1855). Cfr. Stat. Brix. in Hist. P. Mon. XVI. 2. 1584 (228).
  3. Stat. Pis. §§ 52, 152.