Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/199

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

testimonianza d’alice. 183

donato l’uso di scrivere col dito sulla lavagna, perchè s’era accorto che non vi lasciava traccia alcuna; ma ora si rimise sollecitamente all’opera, usando l’inchiostro che gli gocciolava sulla faccia, e l’usò sinchè n’ebbe).

“Dunque queste parole non si attaccano, a voi,” disse il Re, guardando con la bocca sorridente tutt’intorno al Tribunale. E vi fu gran silenzio.

“È un bisticcio!” soggiunse il Re, con voce irata, e tutti allora risero. “Che i giurati ponderino il loro verdetto,” ripetè il Re, forse per la ventesima volta in quel giorno.

“No, no!” disse la Regina. “Prima la sentenza — poi il verdetto.”

“Ma che sciocchezze!” sclamò Alice ad alta voce. “Che idea d’aver prima la sentenza!”

“Tacete!” gridò la Regina, tutta infiammata in viso.

“No certo!” disse Alice.

“Decapitatela!” urlò la Regina con tutta la voce che aveva in gola. Ma niuno si mosse.