Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
4 giù nella


deano da’ chiodi. Andando giù prese di volo un vasettino che aveva un cartello, lo lesse: “CONSERVA D’ARANCE,” ma oimè! era vuoto e restò delusa: non volle lasciar cadere il vasettino per non ammazzare chi era in fondo, e andando sempre giù lo depose in un’altra credenza.

“Bene,” pensò Alice, “dopo una caduta tale, mi parrà proprio un niente il ruzzolare per le scale! A casa poi, come mi crederanno coraggiosa! D’ora innanzi, ancorchè cadessi dal tetto, non ne farei caso!” (E probabilmente dicea la verità.)

E giù — e giù — e giù! Finirà mai quella caduta? “Chi sa quante miglia ho percorse a quest’ora?” sclamò. “Davvero io stò per toccare il centro della terra. Vediamo: suppongo che saranno quattrocento miglia di profondità — ” (come vedete, Alice aveva imparate molte di tali cose nelle sue lezioni, ma non era quella la migliore occasione per fare sfoggio della sua erudizione, poichè non c’era niuno che l’ascoltasse, ciò non di meno era bene di ripassarle