Pagina:Le avventure di Pinocchio.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Deco Pinocchio.png

XX.


Liberato dalla prigione, si avvia per tornare a casa della Fata; ma lungo la strada trova un serpente orribile,e poi rimane preso alla tagliuola.


Figuratevi l’allegrezza di Pinocchio, quando si sentì libero. Senza stare a dire che è e che non è, uscì subito fuori della città e riprese la strada che doveva ricondurlo alla Casina della Fata.

A motivo del tempo piovigginoso, la strada era diventata tutta un pantano e ci si andava fino a mezza gamba.

Ma il burattino non se ne dava per inteso.

Tormentato dalla passione di rivedere il suo babbo e la sua sorellina dai capelli turchini, correva a salti come un can levriero, e nel correre le pillacchere gli schizzavano fin sopra il berretto. Intanto andava dicendo fra sè e sè:

— Quante disgrazie mi sono accadute.... E me le merito! perchè io sono un burattino testardo e piccoso..., e voglio far sempre tutte le cose a modo