Pagina:Le avventure di Pinocchio.djvu/290

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 286 ―

— E la capra dov’è andata? — domandò Pinocchio, con vivissima curiosità.

— Non lo so.

— E quando ritornerà?…

— Non ritornerà mai. Ieri è partita tutta afflitta, e, belando, pareva che dicesse: «Povero Pinocchio!… oramai non lo rivedrò più!… il Pesce-cane a quest’ora l’avrà bell’e divorato!…»

— Ha detto proprio così?… Dunque era lei!… era lei!… era la mia cara Fatina!… — cominciò a urlare Pinocchio, singhiozzando e piangendo dirottamente.

Quand’ebbe pianto ben bene, si rasciugò gli occhi, e preparato un buon lettino di paglia, vi distese sopra il vecchio Geppetto. Poi domandò al Grillo-parlante:

— Dimmi, Grillino: dove potrei trovare un bicchiere di latte per il mio povero babbo?

— Tre campi distante di qui c’è l’ortolano Giangio, che tiene le mucche. Va’ da lui, e troverai il latte che cerchi. —

Pinocchio andò di corsa a casa dell’ortolano Giangio; ma l’ortolano gli disse:

— Quanto ne vuoi del latte?

— Ne voglio un bicchiere pieno.

— Un bicchiere di latte costa un soldo. Comincia intanto dal darmi il soldo.