Pagina:Le biblioteche popolari in Italia dall'anno 1861 al 1869.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 141 —


e consultivamente dai soci presidenti delle Biblioteche popolari già costituite. — Essa si propone non tanto di fondare da sè quanto di suscitare e incoraggiare l’iniziativa locale formando per ciò dei Comitati provinciali. Si mette a disposizione di tutti coloro che vogliono promuovere simili istituzioni, raccogliendo per questo oggetto doni di opere, offerte di denaro, esaminando libri, pubblicando cataloghi, e consigliandone la scelta, procurando facilitazioni dagli editori e facendosi essa stessa editrice a seconda dei proprii mezzi, premiando i fondatori e bibliotecari più benemeriti, e dando pubblicità sui giornali o con organo proprio all’azione diffusiva delle Biblioteche circolanti pel popolo1.

Egli è con poche differenze il programma stesso della Società Franklin che ha sede a Pa-


  1. In questo stesso senso ci scriveva già una bellissima lettera fino dal 15 novembre 1866 l’egregio sig. prof. Contini, che pubblicata nelle memorie della Biblioteca pratese, ci facciamo qui un pregio di riprodurre:

    Pregiatissimo dott. Bruni,

    «Ho ricevuto lo statuto di cotesta Biblioteca popolare di Prato, la cronaca del suo nascere e crescere, il discorso di lei sulle Biblioteche popolari, il catalogo dei libri e una sua conferenza Sull'educazione della donna. La ringrazio di cuore e sono dolente di non poterle mandare del mio e specialmente ciò che insino dal 1857 scrissi sulle Biblioteche e sulla Donna. Sarebbe ormai tempo che anco per le Biblioteche popolari si costituisse un’associazione per tutta l'Italia; e nessuno potrebbe meglio farsene iniziatore di quei che primi in atto posero il bel disegno. Non ci sarebbe che adattandolo, allargarlo a tutta Italia. Se la mia voce potesse valere, gli conforterei a metter fuori uno statuto di associazione sottoscritto da alcuni promotori per così farsi cooperatori dell’educazione del popolo, e preparare la educazione che dee seguir quella delle scuole e compierla per mezzo di libri. Le scuole senza Biblioteche popolari sieno rurali, sieno tecniche, sieno d’alto o basso in-