Pagina:Le confessioni di un ottuagenario I.djvu/391

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
364 le confessioni d’un ottuagenario.

Le sue simpatie non aveano più nè ragione, nè scusa, nè durata, nè modo. Questa settimana s’apprendeva d’un affetto rispettoso e veemente pel vecchio piovano di Teglio; usciva col velo nero sul capo e le ciglia basse; s’intratteneva con lui sulla porta della canonica volgendo le spalle ai passeggeri; udiva pazientemente i suoi consigli e perfino le sue mezze prediche. Si ficcava in testa di diventare una santa Maddalena, e si pettinava i capelli come li vedeva a questa santa in un quadretto che stava a capo del suo letto. Il giorno dopo compariva mutata come per incanto; la sua delizia non era più il piovano, ma il cavallante Marchetto; voleva a tutta forza ch’ei le insegnasse a cavalcare; scorrazzava pei prati a bisdosso d’un ronzino come un’amazzone, e si guastava la fronte e le ginocchia contro i rami della boscaglia. Allora non voleva seco che poverelli e contadini; si atteggiava, credo, a castellana del medio evo; camminava lungo il rio a braccetto di Sandro il mugnaio, e perfin Donato, lo spezialino, le pareva troppo azzimato e artifizioso. Poco stante eccola cambiar registro; voleva esser condotta mattina e sera a Portogruaro; faceva attrappire tutti i vecchi cavalli di suo padre nelle fangose carraie di quelle stradaccie, ma si dovea sempre correre di galoppo. Godeva di eclissare la podestaressa, la correggitrice, e tutte le signore e donzelle della città. Giulio Del Ponte, il damerino più vivace e desiderato, le serviva di riverbero: parlava e gesticolava con lui, non perchè avesse nulla a dirgli, ma per ottener voce di briosa e maligna. Giulio ne era innamorato pazzamente e avrebbe giurato ch’ella avea più brio di tutte le male lingue di Venezia. Ella invece, sempre scontenta, sempre tormentata da desiderii mal definiti, e da una voglia sfrenata di piacere a tutti, di far bene a tutti, non pensava che ciò, non si studiava che a ciò; e rade volte si prendea la briga di neppure ascoltare quando altri parlava.