Pagina:Le confessioni di un ottuagenario II.djvu/356

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
348 le confessioni d’un ottuagenario.

— Voi venite da Milano; ma qui a Venezia....

— Qui a Venezia, signore, se ne parla forse più che a Milano!...

— Come?... Spero che sarà una vostra fantasia!

— La notizia è venuta a quanto si dice nel taccuino del consiglier Ormenta, il quale vi fece merito dei vostri amori come d’un’opportuna conversione alla causa della Santa Fede.

— Il consiglier Ormenta, voi dite?

— Sì, sì, il consiglier Ormenta! Non lo conoscete?

— Pur troppo lo conosco! — E mi diedi a pensare, perchè dopo avermi tanto dimenticato da non ravvisarmi più, si fosse poi dato attorno per seminare cotali spiacevoli ciarle. E non mi venne in capo che egli a sua volta si potesse credere non conosciuto da me, e che il mio nome caduto qualche volta di bocca alla contessa lo avesse ajutato a mutare in certezza il sospetto della somiglianza. La gente del suo fare non altro cerca di meglio che spargere la diffidenza e la discordia; ecco chiarissime le cagioni del suo malizioso sparlare. E quanto al resto non m’importava un fico di saperne di meglio; tuttavia persuasissimo che il Minato m’avesse reso un vero servigio coll’aprirmi gli occhi su quella mariuoleria, mi separai da lui con minor piacere del solito e tornai presso la Pisana per masticare meno amaramente la mia rabbia.

Trovai quel giorno presso la signorina la visita di un tale che non mi sarei aspettato; di Raimondo Venchieredo. Dopo quanto avevamo discorso di lui, dopo le mire ch’io gli supponeva sul conto della Pisana, dopo le trame orditele contro a mezzo della Doretta e della Rosa, mi maravigliai moltissimo di trovarla in tal compagnia. Di più s’aggiungeva che sapendo ella l’inimicizia non mai spenta fra me e Raimondo, la doveva anche per riguardo mio tenerselo lontano. Il furbo peraltro non giudicò opportuno