Pagina:Le ferrovie economiche d'Europa.djvu/10

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
4


linee del Belgio, pure a scartamento diminuito. Quest’elenco comprendo invero le principali ferrovie economiche d’Europa, eccetto forse poche linee a scartamento ristretto in Allemagna ed in Polonia, più specialmente adattate al trasporto di merci o minerali; poiché quanto alla piccola linea di Mondalazac, destinata al solo trasporto di materiali, o di cui molto si scrisse in questi ultimi tempi, se non potei visitarla, perchè troppo all’infuori del mio itinerario, mi valsi delle ampie descrizioni che ne furono pubblicate, per comprenderla nei miei confronti. Lo esame di queste linee doveva dunque bastare a procurarmi un corredo di dati sufficiente allo scopo.

Dopo pochi giorni impiegati nei preparativi indispensabili per un viaggio così lungo, ed in parte in regioni inospite, io partiva visitando successivamente l’Alsazia, la Scozia ed il paese di Galles-Nord; quindi ripassando la Manica, percorreva le linee del Belgio, e quelle d’Olanda; di là attraverso l’Allemagna settentrionale e la Danimarca mi recai in Isvezia, e finalmente in Norvegia, d’onde compiuto il mio lavoro, volgeva direttamente per l’Italia, scendendo, direi quasi dal Nord al Sud a cavalcioni dello stesso meridiano, e mi restituiva in Firenze dopo un’assenza di circa 16 settimane.

Non mi restava che ad occuparmi di coordinare le mie note, studiarle, ed esporne sotto forma di rapporto i risultati. Questo lavoro, che non potei più presto ultimare per essere stato distolto da altre occupazioni, come è ben noto a cotesto Ministero, ho adesso l’onore di sottoporre al suo esame, non senza raccomandarlo alla sua indulgenza per le molte pecche, e le forme un po’ discinte, da cui è difficile che vada esente un lavoro fatto sotto l’incalzare di altre non meno importanti, e forse più urgenti preoccupazioni.

Le ferrovie economiche voglionsi dividere in due grandi classi, quelle in cui l’economia si ottiene con diversi sistemi di costruzione e di esercizio, e quelle in cui essa è frutto dello scartamento ridotto del binario.

Lo scartamento usuale europeo è, salvo leggerissime varianti, di 1m 50 fra centro e centro delle rotaie, ossia circa 1m 44