Pagina:Le mie prigioni.djvu/125

Da Wikisource.

( 113 )

mio cuore! Come mi si ravvivava la memoria di tutti i preziosi suoi doni!

Io era ritto sul finestrone, le braccia tra le sbarre, le mani incrocicchiate: la chiesa di San Marco era sotto di me, una moltitudine prodigiosa di colombi indipendenti amoreggiava, svolazzava, nidificava su quel tetto di piombo: il più magnifico cielo mi stava dinanzi: io dominava tutta quella parte di Venezia ch’era visibile dal mio carcere: un romore lontano di voci umane mi feriva dolcemente l’orecchio. In quel luogo infelice ma stupendo, io conversava con Colui, gli occhi soli del quale mi vedeano, gli raccomandava mio padre, mia madre, e ad una ad una tutte le persone a me care e sembravami ch’ei mi rispondesse: «T’affidi la mia bontà!» ed io esclamava: «Sì, la tua bontà m’affida!».

E chiudea la mia orazione intenerito, confortato, e poco curante delle morsicature che frattanto m’aveano allegramente dato le zanzare.

Quella sera, dopo tanta esaltazione, la fantasia cominciando a calmarsi, le zanzare cominciando a divenirmi insoffribili, il bisogno d’avvolgermi faccia e mani tornando a farmisi sentire un pen-

Vol. I 8