Pagina:Le mille e una notti, 1852, I-II.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

134

felicemente al raggio della luna, senza smarrirmi. Appena giunti alla tomba, vedemmo comparire il principe che ci avea seguiti, carico d’una piccola brocca piena d’acqua, d’una zappa e d’un sacchetto di gesso. La zappa gli servì per demolire l’avello vuoto che trovavasi in mezzo alla tomba; ne tolse ad una ad una le pietre, e le dispose in un canto; quando le ebbe tutte levate, scavò la terra, e vidi una botola situata sotto l’avello stesso. La sollevò, e sotto vi scorsi una scala a lumaca. Allora mio cugino, volgendosi alla dama, le disse: — Signora, ecco per dove si scende al luogo di cui v’ho parlato.» La dama a quelle parole si accostò e discese, ed il principe s’accinse a seguirla; ma voltosi prima a me: — Cugino,» mi disse, «vi sono infinitamente grato della briga che vi siete dato per me. — Mio caro cugino,» gridai io allora, «che cosa significa questo? — Ciò vi basti,» mi rispose; «potete ripigliare la strada d’onde siete venuto.»

Il giorno che sopraggiunse impedì a Scheherazade di proseguire. Il sultano si alzò, ansioso di sapere il disegno del principe e della dama, che pareva volessero seppellirsi vivi, ed attese impazientemente la notte successiva per esserne informato.


NOTTE XXXVIII


Schahriar essendosi esternato colla sultana che gli farebbe cosa grata a continuare il racconto del primo calendero, ripigliò essa la narrazione in questi termini:

— «Signora,» disse il calendero a Zobeide, «non potei ricavar altro dal principe mio cugino, e fui costretto ad accommiatarmi da lui. Nel tornare al pa-