Pagina:Le mille ed una notti, 1852, III-IV.djvu/262

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

240


ùdi dubitarne (1). D’altra parte, quando pure non ne fossi persuaso, non potrei trattenermi dall’ascoltare il mio sogno. Il vecchio che m’apparve aveva qualche cosa di soprannaturale, ned è di quegli uominj che la sola vecchiaia rende rispettabili; non so qual aria divina scorgeasi sparsa su tutta la sua persona. Era tale in fine qual ci si rappresenta il gran Profeta; e se volete che vi palesi il mio pensiero, credo essere egli medesimo in persona, il quale, mosso da’ miei affanni, voglia alleviarli. Confido nella fiducia che seppe ispirarmi: spero nelle sue promesse, ed ho risoluto di seguirne il consiglio.» Procurò la regina di distornelo; ma non avendo potuto riuscirvi, il principe le lasciò il governo del regno, uscì una notte segretamente dal palazzo, e prese la strada del Cairo, senza voler essere accompagnato da nessuno.

«Dopo molte fatiche e stenti, giunto a quella famosa città, che ha poche rivali al mondo per la grandezza e la beltà, andò a smontare alla porta d’una moschea, dove, sentendosi assai stanco, si coricò. Appena si fu addormentato, vide il medesimo vecchio che gli disse:

«— O figlio! sono contento di te per aver prestato fede alle mie parole. Sei venuto qui senza che la lunghezza e la difficoltà delle strade ti abbiano ributtato; ma sappi che non ti feci fare sì lungo viaggio se non per provarti. Or veggo che hai coraggio e fermezza, e meriti che ti renda il più ricco ed insieme il più felice principe della terra. Torna a Balsora; troverai nel tuo palazzo immense ricchezze: giammai re ne ha possedute d’eguali. —

  1. Tutti i popoli hanno creduto, e credono ancora, più o meno, ai sogni, ma gli Orientali in particolare; essi hanno gran numero di trattati sul modo d’interpretarli, composti da uomini commendevolissimi.