Pagina:Le mille ed una notti, 1852, III-IV.djvu/449

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

35

«Eravi tal quantità di quei ramoscelli, che il giovanetto n’ebbe in breve fatto un mucchio più che sufficiente, mentre il mago accendeva l’esca. Vi appiccò il fuoco, e nel momento che i rovi infiammavansi, il negromante vi gettò sopra un profumo che tenea preparato. Se ne levò tosto un fumo densissimo, ch’egli divideva da una parte e dall’altra, pronunciando parole magiche, alle quali Aladino nulla comprese.»

Schahriar ascoltava attentamente la sultana per sapere cosa sarebbe accaduto per l’operazione magica dell’Affricano, quand’ella cessò dal parlare a cagione dell’aurora che in quel punto comparve.


NOTTE CCCXIII


— Sire,» gli diss’ella il mattino seguente. «nel punto stesso tremò alquanto la terra, e spalancatasi in quel sito davanti al mago e ad Aladino, mostrò allo scoperto una pietra di circa un piede e mezzo in quadrato, e d’un piede circa di altezza, posta orizzontalmente, con un anello di bronzo saldato nel mezzo, onde valersene per sollevarla. Aladino, spaventato di quanto accadevagli davanti agli occhi, n’ebbe paura, e volle darsi alla fuga: ma era necessario a quel mistero, ed il mago lo trattenne e sgridollo fieramente, dandogli uno schiaffo sì forte che lo gettò per terra, e poco mancò non gli schiantasse i denti davanti, come apparve dal sangue che uscivagli dalla bocca. Il povero Aladino, tutto tremante e colle lagrime agli occhi: — Zio,» gridò piangendo, «che cosa vi feci mai per meritare che mi batteste sì duramente?