Pagina:Le mille ed una notti, 1852, III-IV.djvu/684

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

266


sinchè più non lo vide, onde togliergli la curiosità di tornar indietro ad osservare lei medesima.

«Morgiana aveva fatto scaldare un po’ d’acqua per lavare il corpo di Cassim; talchè Alì Babà, giunto nel momento ch’essa tornava a casa, potè lavarlo, profumarlo d’incenso ed acconciarlo colle cerimonie d’uso. Il falegname portò il feretro già ordinato per cura di Alì Baba, ed affinchè questi non si potesse accorgere di nulla, Morgiana ricevè la cassa alla porta, e pagatolo, lo rimandò, andando quindi ad aiutare Alì Baba a collocarvi il cadavere; quando questi vi ebbe ben inchiodate le assi al disopra, recossi la schiava alla moschea ad avvertire che tutto era pronto per le esequie. Allora le persone della moschea, destinate a lavare i morti, esibirono di venir a compiere la loro funzione; ma essa rispose essere già eseguita ogni cosa.

«Morgiana era appena tornata a casa quando, giunti l’imano e gli altri ministri della moschea, quattro vicini, a ciò chiamati, caricaronsi sulle spalle la bara, e seguendo l’imano, che recitava le preci, la portarono al cimitero. Morgiana, tutta in lagrime, come schiava del defunto, li seguiva colla testa scoperta, mandando alte grida, battendosi a gran colpi il petto e strappandosi i capelli; Alì Baba veniva dopo, accompagnato dai vicini, i quali staccavansi a vicenda tratto tratto per sollevare ed assistere gli altri che portavano il feretro, sinchè giungessero al cimitero.

«La moglie di Cassim, intanto, rimase in casa, desolandosi e gettando lamentevoli grida colle donne del vicinato, le quali, secondo l’uso, accorsero durante la cerimonia della sepoltura, ed unendo le loro lamentazioni alle sue, empirono di mestizia tutto il quartiere.

«Per tal modo, la morte di Cassim fu nascosta e dissimulata fra Alì Baba, sua moglie, la vedova di