Pagina:Le mille ed una notti, 1852, VII-VIII.djvu/774

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

360


sare un uomo magnificamente vestito, montato sur una mula, ed accompagnato da due schiavi, che gli camminavano innanzi per aprire la folla. — Non vi vergognate,» diss’egli alla moltitudine, «di tormentare così questo forastiero? Non avete diritto di fargli alcun male.» Niuno seppe cosa rispondere, e Maruf ringraziò il Kovagia che invitollo a casa sua. Accettò il tapino con molto giubilo e riconoscenza: fu accolto benissimo e magnificamente trattato nella casa del Kovagia, e mangiato insieme, si fece questi a chiedergli come si chiamasse e quale ne fosse la professione. — Mi chiamano Maruf,» egli rispose, «e mio mestiere è racconciare vecchie scranne e mobili vecchi. — Di qual città siete?— Del Cairo. — Di qual quartiere?» Maruf glie lo nominò. — Come,» riprese l’altro, «voi dimorate al Cairo? — Senza dubbio, vi son nato. — Potrei chiedervi in qual parte della città? — Nella via Rossa. — Conoscete nessuno che abita in quel quartiere? — Sì,» rispose Maruf; e nominò parecchie persone di sua conoscenza. — Conoscereste forse anche lo sceik Ahmed, mercante di colori? — Ah! buon Dio! se lo conosco! è il più prossimo mio vicino. — Sta bene? — La Dio mercè perfettamente. — Quanti figli ha? — Tre, Mustafà, Mohammed ed Alì. — Cosa fanno? — Mustafà è professore in un medresseh1. Mohammed ha bottega di colori vicino al padre, e sua moglie si è di recente sgravata del piccolo Hassan. Quanto ad Alì, è mio camerata d’infanzia; abbiam fatto insieme mille diavolerie: eravamo soliti vestirci da garzoncelli cristiani per introdurci nelle chiese, e rubarvi i libri che rivendevamo a caro prezzo ai preti. Un giorno, un cristiano ci colse sul fatto: si dolsero i preti al padre di Alì, e lo minacciarono di portare le loro querele al re; Ahmed castigò severamente il figlio, che prese la fuga, e non si è più riveduto, benchè sia una buona ventina d’anni. — Ebbene, «sclamò il Kovagià, «riconosci in me il tuo antico amico Alì, il figliuolo

  1. Collegio o stabilimento dell’istruzione pubblica.