Pagina:Le odi di Anacreonte e di Saffo.djvu/117

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

di anacreonte. 105


O infedele malvagio metallo,
     Per le vie dell’inganno e del fallo
     21Ti lusinghi di spingermi invan.
Più di te la mia cetra m’è grata,
     Che risponde d’amore ostinata
     24Dolci versi alla tremola man.

Tu rendesti con frode maligna
     E incostante il figliuol di Ciprigna,
     27E la cetra venale e servil.
Disturbasti le cene ridenti,
     Profanasti que’ baci innocenti,
     30Dono amico d’un labbro gentil.

Vanne indegno, il mio cuor non ti cura,
     Va di Tracia fra gente spergiura
     33Col tuo lume la pace a turbar.
Speri invan ch’io la cetra abbandoni,
     Speri invan con lusinghe e con doni
     36Dal mio tetto le Muse scacciar.

Porta altrove l’incanto potente,
     Che seduce la misera gente,
     39Oro infame, tiranno d’un cor.
Senza te son contento e beato;
     Nè mai chiedo altro dono dal Fato,
     42Che la gloria, la cetra, e l’amor.