Pagina:Le opere di Galileo Galilei I.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
220 la bilancetta.

che è tra fg e ge, conterò1 i fili fg ed i fili ge, e, trovando i fili fg esser 40 ed i ge esser, per essempio, 212, dirò nel misto esser 40 di oro e 21 di argento.

Ma qui è3 da avvertire che nasce una difficultà nel contare: però che4, per essere quei fili sottilissimi, come si richiede all’esquisitezza, non è possibile con la vista numerarli, però che tra sì piccoli5 spazii si abbaglia l’occhio. Adunque, per numerargli con facilità, piglisi uno stiletto acutissimo6, col quale si vada adagio adagio discorrendo sopra detti fili; chè così, parte mediante l’udito7, parte mediante il ritrovar8 la mano ad ogni filo l’impedimento, verranno con facilità detti fili numerati9: dal numero de i quali, come ho detto di sopra, si averà l’esquisita quantità de i semplici10, de’ quali è il misto composto11. Avvertendo però, che12 i semplici risponderanno contrariamente alle distanze13: come, per esempio, in un misto d’oro e d’argento, i fili che saranno verso il termine14 dell’argento ci daranno la quantità dell’oro15, e quelli che saranno verso ’l termine dell’oro ci dimostreranno la quantità dell’argento; ed il medesimo intendasi degli altri misti.

  1. 1. conteremo, Y — e trovando i fili di fg, C
  2. 2. essere, per esempio, 40 & i fili ge 21, F — et i ge, per esempio 21, A, B, E — ed i ge 21, C — e i ge esser 21, D — diremo, Y — 40 parti d’oro, F
  3. 4. Ma è, F
  4. 4-5. imperò che, C
  5. 6. piccioli, D, E
  6. 8. un stilo, C — acutissimo, come un’ago dentro ad un manico o cero un coltellino sottilissimo, col quale, ediz. bolognese — si vada adagio discorrendo, C, D, F
  7. 9. così, parte mediante il dito, E
  8. 9-10. e parte il ritrovare, C — parte per ritrovar, D
  9. 10-11. detti fili con faciltà numerati, F
  10. 12. de’ metalli semplici, C, D, F
  11. 12-13. il misto si compone, C — il misto vien composto, F
  12. 13. Avvertendo che, C, F
  13. 14-18. alle distanze, sì come anco i misti, C
  14. 16. i termini, D
  15. 15-17. il termine dell’oro ci denoteranno la quantità dell'argento e i fili che saranno verso il termine dell’argento ci denoteranno la quantità dell’oro, F