Pagina:Le opere di Galileo Galilei II.djvu/314

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search








AL LOSTRIO, E REBELENDO PARON,

el segnor

ANTUOGNO SQUERENGO

degnetissimo calonego de pava.




Que disseo, Rebelendo Segnor Paròn, s’a veessè on vostro puovero serviore, que no fè mè altro, che la boaria, e ’l mestiero de pertegar le campagne, adesso, que el la tolesse co’ un Dottore de quiggi da Pava, per via de desbuta? no ve pareraela na botta da rire? mo cancarè; e si l’è vera. Tamentre fé conto c’hò fatto con fè quellù, che se messe la vesta, que n’iera soa, per parer ello dottore. L’è vera, que inchinda da tosatto, el me tirava el me snaturale a guardare in elto, e si a g’haea gran piasere desfeguranto la boara, le falce, i biron, la chiocca, e ’l carro, con tutto; mo gnan per questo a no ghe n’harae sapio faellare, s’a no v’haesse sentù vù mille, e millianta botte a dire mo na consa, mò n’altra a sto perpuosito. E si de sta Stella nuova, que dà tanta smeravegia a tutto el roesso mondo; per conto de dire on la sea, a ghe n’hi, per muò de


ALL’ILLUSTRE E REVERENDO PADRONE, Il sIgnor

ANTONIO QUERENGO

degnissimo canonico di padova.




Che direste, Reverendo Signor Padrone, se vedeste un vostro povero servitore, il quale non s’è mai occupato d’altro che del proquoio, nè altro mestiero ha fatto che di misurare le campagne, pigliarsela adesso con un Dottore di quelli da Padova e mettercisi a disputare? La non vi parrebbe una celia? eppure, canchero! è proprio vero. Così fate conto ch’io ho fatto come fece colui che si messe il vestito che non era suo, per parer lui il dottore. E vero che fin da ragazzetto, il mio naturale mi tirava a guardare in alto, e avevo un gran piacere scorgendo Venere, la Cintura d’Orione, l’Occhio del Toro, le Pleiadi, il Carro; con tutto ciò, neanche per questo non n’avrei mica saputo parlare, se non avessi sentito voi mille e millanta volte dire ora una cosa, ora un’altra, a questo proposito. E così di questa Stella nuova, che dà tanta meraviglia a tutto l’uni-

4. degnetissemo — 6. un — 28. in sto — 25-26. de on la sea