Pagina:Le opere di Galileo Galilei II.djvu/330

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

in perpuosito de la stella nuova. 327
[Loren. cap. 6.]Na. Quando a guardòn in la Lunanota, el nostro vere se ghe ficca entro (diselo) e perzuontena no se pò fare la prealasse.

Ma. Che’l me ficche ello (squasio ch’a l’hò ditta) a veessàn le stelle de sora, che ’l sarae on piasere, se la foesse così.

Na. Pian, ch’a no vorae fallare. el me par pure, che’l diga, que no se pò vere [Loren. cap. 6.]meza la Luna, nè gnan meze le stelle, sianto che le xè grande, e ’l nostro desfeguramento tira massa stretto, se ben el se và pò slarganto.

Ma. Madè imaginete pure, que chiappola da che cao te vuosi, l’impegola, che me fà mi quello, se miga a no posso vere tutta la Luna, ne gnan tutta na stella? no basta che la vegga on puoco, e ch’a la mesure segondo quello?

Na. Mo a sto muò, l’è na bagia là questa[Loren. cap. 6.], doh mal drean; el se fasea po bello, d’haer cattò na spelucation sottile per farghe stare i smetamatichi.

Ma. [Vittellione lib. 1, prop. 58, lib. 4, pp. 51, 66, 67, e 70.
Euclide prop. 23, 24, 28. opt.]
Seto que l’è na consa, che no gh’è me sto pensò? mo per la mare di can, que inchinda on Vedo l’hà sapia inanzo, segondo ch’hà gh’ho sentù a dire asse botte al me paròn. E si el no se vi ha tegnù tanto in bon.

Na. Vuotù, ch’andagamo inanzo? Ma. Sì, dì.

Ma. Frello, te te sarissi scompissò da riso, st’haissi sentio un batibugio, que ghe xè, de A, B, N, 0, que segi mi? basta, l’olea offerire, che la Prealasse è bona, mo i smetamatichi no la sà voverare, que staghe ben.

Ma. El no diè intendere gnan ello

Na. Ma quando guardiamo nella Luna, la nostra vista vi si ficca dentro (dice lui) e quindi non si può fare la parallasse.

Ma. Che mi ficchi lui.... (l’ho quasi detta): noi vedremmo le stelle di sopra, ch’e’ sarebbe un piacere, se la fosse così.

Na. Piano, chè non vorrei scambiare. E’ mi par pure ch’e’ dica che non si può vedere mezza la Luna e neanche mezze le stelle, sendochè le sono grandi, ed il nostro raffiguramento coglie troppo stretto, sebbene e’ si va poi slargando.

Ma. Mio Dio, fa’ conto, che, chiappala da che parte tu vuoi, appiccica. Che m’importa a me se io non posso vedere tutta la Luna e neanche tutta una stella? Non basta ch’i’la vegga un poco, e che secondo quello i’ la misuri?

Na. Oh, a questo modo, l’è una baia, là, questa. Il fistolo! e poi si faceva bello d’aver trovato una speculazione sottile da tenere a segno i matematici.

Ma. Ma sai che l’è una cosa che non c’è mai stato pensato? Oh, per la madre dei cani, che perfino un Vitello l’ha saputa prima, secondo ch’io ho sentito dire assai volte al mio padrone; eppure non se n’è tanto tenuto.

Na. Vuo’ tu che andiamo innanzi? Ma. Sì, di’!

Na. Fratello, tu ti saresti scompisciato dalle risa, se avessi sentito un tafferuglio, che c’è di A, B, N, O, che so io? basta, e’ voleva asserire che la parallasse è buona, ma i matematici non la sanno adoperare in modo che vada bene.

Ma. E’ non deve capire neanche egli

6, 17, 25. un

1

  1. Rinunziamo, qui e appresso, a riprodurre i vari passi del Cap. VI (P. II.), a’ quali si allude, perchè occuperebbero parecchie pagine senza alcun frutto. Ciò che n’è detto nelle frequenti citazioni che se ne leggono nel Dialogo, crediamo che basti a fornirne una idea.