Pagina:Le opere di Galileo Galilei IV.djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



DISCORSO


Al Serenissimo Don Cosimo II,
gran duca di toscana,

INTORNO ALLE COSE CHE STANNO IN SU L'ACQUA O CHE IN QUELLA SI MUOVONO,


di


GALILEO GALILEI,


FILOSOFO E MATEMATICO DELLA MEDESIMA ALTEZZA SERENISSIMA.




Perch’io so, Principe Serenissimo, che il lasciar vedere in pubblico il presente trattato, d’argomento tanto diverso da quello che molti aspettano e che, secondo l’intenzione che ne diedi nel mio Avviso Astronomico, già dovrei aver mandato fuori, potrebbe per avventura destar concetto, o che io avessi del tutto messo da banda l’occuparmi intorno alle nuove osservazioni celesti, o che almeno con troppo lento studio le trattassi; ho giudicato esser bene render ragione sì del differir quello, come dello scrivere e del pubblicare questo trattato.

Quanto al primo, non tanto gli ultimi scoprimenti di Saturno tricorporeo e delle mutazioni di figure in Venere, simili a quelle che si veggono nella Luna, insieme con le conseguenze che da quelle dependono, hanno cagionato tal dilazione, quanto l’investigazion de’ tempi delle conversioni di ciaschedun de’ quattro Pianeti Medicei intorno a Giove, la quale mi succedette l’aprile dell’anno passato 1611, mentre era in Roma; dove finalmente m’accertai, che ’l primo, e più vicino a Giove, passa del suo cerchio gradi 8 e m. 29 in circa per ora, faccendo la ’ntera conversione in giorni naturali 1 e ore 18 e quasi meza. Il secondo fa nell’orbe suo g. 4, m. 13 prossimamente per ora, e l’intera revoluzione in giorni 3, or. 13 e un terzo incirca. Il terzo passa in un’ora gr. 2, m. 6 in circa del suo cerchio, e lo misura tutto in giorni 7, ore 4 prossimamente. Il quarto, e più lon-