Pagina:Le opere di Galileo Galilei V.djvu/319

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

a madama cristina di lorena. 315

sistema Copernicano, ella sia presa e fattone quel capitale che parrà a’ superiori; se no, sia pure stracciata ed abbruciata la mia scrittura, ch’io1 non intendo o pretendo di guadagnarne frutto2 alcuno che non fusse pio e cattolico3. E di più, ben che molte delle cose4 che io noto le abbia sentite con i proprii orecchi, liberamente ammetto e concedo a chi l’ha dette che dette non l’abbia, se così gli piace, confessando poter essere ch’io abbia franteso; e però quanto rispondo non sia detto per loro, ma per chi avesse quella opinione5.

Il motivo, dunque, che loro producono per condennar l’opinione della mobilità della Terra e stabilità del Sole, è, che6 leggendosi nelle Sacre Lettere, in molti luoghi, che il Sole si muove e che la Terra sta ferma, né potendo la Scrittura mai mentire o errare, ne seguita per necessaria conseguenza che erronea e dannanda sia la sentenza di chi volesse asserire, il Sole esser per sé stesso immobile, e mobile la Terra7.

Sopra questa ragione parmi primieramente da considerare, essere e santissimamente8 detto e prudentissimamente stabilito, non poter mai la Sacra Scrittura9 mentire10, tutta volta che si sia penetrato il suo vero sentimento; il qual non credo che si possa negare esser molte volte recondito e molto diverso da quello che suona il puro significato delle parole. Dal che ne seguita, che qualunque volta alcuno, nell’esporla, volesse fermarsi sempre nel nudo suono literale11, potrebbe, errando esso, far apparir nelle Scritture non solo contradizioni e proposizioni remote dal vero, ma gravi eresie e bestemmie ancora: poi che sarebbe necessario dare a Iddio e piedi e mani ed occhi, e non meno affetti corporali ed umani, come d’ira, di pentimento, d’odio, ed anco tal volta la dimenticanza delle cose passate e l’ignoranza delle future; le quali proposizioni, sì come, dettante lo1213 Spirito Santo, furono in tal guisa profferite da gli scrittori sacri per accomodarsi alla capacita del vulgo assai rozo e indisciplinato, così per quelli che meritano d’esser separati dalla plebe è necessario che i saggi espositori

  1. che non fosse totalmente pio — molte cose
  2. I motivi, dunque... Sole, sono che. In luogo di sono prima diceva, a quanto pare, è.
  3. e la Terra mobile
  4. essere santissimamente
  5. la Scrittura
  6. suono gramaticale, potrebbe
  7. dettante così lo
  8. scrittura, poi che io, s
  9. di guadagnarmi frutto, Gr, s
  10. quelle opinione, s
  11. La Scrittura Sacra mentire, s
  12. suono grammaticale, potrebbe, s. Oltre che nella stampa e nel cod. V, grammaticale si legge nel Marucelliano B. 1. 20, nel Marciano CI. IV, n. CCCCLXXXVII, nel Magliabechiano CL. XI, 139 ecc.; col cod. G invece s’accordano il Casanatense 675 e il Baldovinetti 236.
  13. proposizioni, sì come dettante così lo, s