Pagina:Le opere di Galileo Galilei VII.djvu/212

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


uccello fermassero la mira lontana dall’uccello, anticipando per certo spazio, e piú o meno secondo la velocità del volo e la lontananza dell’uccello, acciò che sparando ed andando la palla a dirittura della mira venisse ad arrivar nell’istesso tempo al medesimo punto, essa co ’l suo moto e l’uccello co ’l suo volo, e cosí si incontrassero; domandando ad uno di loro se la lor pratica fusse tale, mi rispose di no, ma che l’artifizio era assai piú facile e sicuro, e che operano nello stesso modo per appunto che quando tirano all’uccello fermo, cioè che aggiustano la mira all’uccel volante, e quello co ’l muover l’archibuso vanno seguitando, mantenendogli sempre la mira addosso sin che sparano, e che cosí gli imberciano come gli altri fermi. Bisogna dunque che quel moto, benché lento, che l’archibuso fa nel volgersi, secondando con la mira il volo dell’uccello, si comunichi alla palla ancora e che in essa si congiunga con l’altro del fuoco, sí che la palla abbia dal fuoco il moto diritto in alto, e dalla canna il declinar secondando il volo dell’uccello, giusto come pur ora si è detto del tiro d’artiglieria; dove la palla ha dal fuoco l’andare in alto verso il vertice, e dal moto della Terra il piegar verso oriente e di amendue farne un composto che segua il corso della Terra e che a chi la guarda apparisca solo di andare a dritto in su, ritornando per la medesima linea di poi in giú. Il tener dunque la mira continuamente indirizzata verso lo scopo fa che il tiro va a ferir giusto: e per tener la mira a segno, se lo scopo sta fermo, anco la canna converrà che si tenga ferma; e se il berzaglio si muoverà, la canna si terrà a segno co ’l moto. E di qui depende la propria risposta all’altro argomento del tirar con l’artiglieria al berzaglio posto verso mezogiorno o verso settentrione; dove si instava che quando la Terra si movesse, i tiri riuscirebber tutti costieri verso occidente, perché nel tempo che la palla, uscita del pezzo, va per aria al segno, quello, portato verso levante, si lascia la palla per ponente. Rispondo dunque domandando se, aggiustata che si sia l’artiglieria al segno e lasciata star cosí, ella continua a rimirar sempre l’istesso segno, muovasi la Terra o stia ferma. Convien rispondere che la mira non si muta altrimenti, perché, se lo scopo sta fermo, l’artiglieria parimente sta ferma, e se quello, portato dalla Terra, si muove, muovesi con l’istesso tenore l’artiglieria ancora; e mantenendosi la mira, il tiro riesce sempre giusto, come per le cose dette di sopra è manifesto.


Sagredo