Pagina:Le opere di Galileo Galilei XIX.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

V. CONTI TRA VINCENZIO GALILEI E MUZIO TEDALDI. 29


E a di 24 detto, per la vettura de’ cavalli, e dati a detta contanti £ 22. — — E a dì 14 di Giugno, per lui a M.* Doratea contanti....» 3. 2. — £486. 3.E de’ dare a dì 16 di Giugnio, hauti dal Ciacchi, £ 14.; 120 E a dì 25 di Luglio, £ sette per suo ordine a M.* Doratea contanti,» 7. — — E a dì 6 di Agosto, hauti per me da Francesco Ciacchi,.» 28. E a dì 24 di Settembre, pagati per fattura di canne x di tela,» 9. 13* 4 E a dì primo di Ottobre, £ una per gabella di detta tela,.» 1. E a dì 15 detto, hauti da Fran130 Cesco Ciachi,» 70. E de’ dare £ quattordici piccioli, tanti si fa debitore per li aggi delli l’70 che mi accomodò d’oro, de’ quali, per esser leggieri, si cambiorno a £ 7. 10 l’uno solamente, et da lui mi fumo conti £ 7. 14 — ; però se ne fa debitore...» 14. E de’ dare per tanti mi fa de140 bitore Lazero spetiale, per medicine date a Galileo,..» 5. £ 148. 13. 4. £ 486. 3.— £ 634. 16. 4. £ 204. 17. — £ 429. 19. 4. Per questo conto, come potete vedere, mi siate debitore di £ 429. 19. 4. Voltate (»). (1) Fin qui il conto è scritto sul recto del foglio, il resto è sul tergo.