Pagina:Le pitture notabili di Bergamo.djvu/147

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

143

La Tavola dell’Altare che è in faccia alla Porta laterale della Chiesa, e che rappresenta la B. V. col Puttino in alto, e sotto San Pietro Celestino a destra, e San Gio. Batista coll’Agnellino a sinistra, è fatica diligente del Zucchi: di cui parimenti è il Quadretto sopra coll’Effigie della B. V. incoronata. Del medesimo Autore ancora è la Tavola dell’Altare opposto, ove è dipinta Maria Vergine col Divin Bambino, e nel piano San Carlo dalla destra, e San Bernardo dalla sinistra. Usciti per la Porta del fianco, e andati a vedere la dirimpetto Colonna di marmo, con in cima la Statua della Beatissima Vergine, eretta dalla Vicinanza in mezzo alla via, c’incammineremo dirittamente verso la Porta della Città, e giunti in capo alla Contrada, volteremo a sinistra lungo la Morla, e passato il Ponte seguitando il cammino, giugneremo alla Chiesa di Ognissanti di

GALGARIO.


LXXV.


FAtta innalzare da Giovanni III. Tornielli Vescovo di Bergamo, e dal medesimo consagrata al Salvatore, alla Vergine Maria, e a tutti i Santi; di poi consegnata agli Umiliati da uffiziarla, indi ceduta ai Minimi di S. Francesco di Paola nel 1638. colla permissione del Principe, e confermatone loro l’intero possesso nel 1665. dalla generosa pietà dal Co. Francesco Tassi Prelato e Abate Commendatario della Prevostura de’ SS.