Pagina:Le poesie religiose.djvu/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ENCELADO





Cadde il saturnio re; fredda è la mano
     Che infranse ai figli della terra il petto;
     Ma senza tempo all’alta pena addetto
                    4Giace il Titano.

E non l’ira celeste e de’ captivi
     Fratelli il fato e il sovrapposto monte
     Premon così l’indomita sua fronte.
                    8Come dei vivi

La Miseria e l’Error, furie gemelle
     Per cui tanta di mali ombra s’addensa,
     E di gelido oblio serra un’immensa
                    12Onda il ribelle.