Pagina:Le prose e poesie campestri....djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
182 le poesie
X.


     Se, tua mercede, sostener nel verno
Potrà sè stessa tra le angustie avvolta,
Solleverà di te prece all’Eterno,75
Che sempre quella d’un cor grato ascolta:
Ed anco di stagion nemica a scherno
La nuova tua s’indorerà ricolta,
E vedrai, che la tua d’altrui pietade,
Più che le piogge e il Sol, giova alle biade.80

XI.


     Ir leggendo talor mi piace ancora
Qualche bella d’amore istoria finta,
Cui di dolce eloquenza orna e colora
Penna in Anglici inchiostri, o in Franchi tinta
Qui più d’una mia propria, e più talora85
D’una vicenda tua chiara e distinta
Zenofila gentil, legger m’è avviso;
E di lagrime dolci aspergo il viso.