Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/601

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

adjecta. 569

III.

ALPINI


     Quando l’ora verrà, l’ora che deve
esser l’estrema che vedrete al mondo,
voi cercherete invan col moribondo
4occhio l’alpe natia, bianca di neve

     e indarno de’ ghiacciai la brezza lieve
ricercherete nell’ansar profondo....
Oh, quanto lungi al labbro sitibondo
8saran le fonti ove il camoscio beve!

     Ahimè, madri dolenti e fidanzate
dolenti, dite voi se questo è il santo
11il giocondo avvenir che sognavate?

     Vanno all’inutil sacrificio e intanto
noi veneriam le vanità sfacciate
14cui piacque il sangue loro e il vostro pianto!