Pagina:Leonardo - Trattato della pittura, 1890.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
a 95] trattato della pittura - parte seconda 49

93. Del ritrarre figure per istorie.

Sempre il pittore deve considerare nella parete che ha da istoriare l’altezza del sito dove vuole collocare le sue figure; e ciò ch’egli ritrae di naturale a detto proposito, stare tanto l’occhio più basso che la cosa ch’egli ritrae quanto detta cosa sarà messa in opera più alta che l’occhio del riguardatore, altrimenti l’opera sarà reprobabile.


94. A imparare a far bene un posato.

Se ti vuoi assuefare bene ai retti e buoni posati delle figure, ferma un quadro ovvero telaio, dentro riquadrato con fila, infra l’occhio tuo e il nudo che ritrai, e quei medesimi quadri farai sulla carta dove vuoi ritrarre detto nudo sottilmente; di poi poni una pallottola di cera in una parte della rete, che ti serva per una mira, la quale sempre nel riguardare il nudo scontrerai nella fontanella della gola, e se fosse volta di dietro, scontrala con un nodo del collo; e queste fila t’insegneranno tutte le parti del corpo che in ciascun atto si trovano sotto la fontanella della gola, sotto gli angoli delle spalle, sotto le tette, i fianchi ed altre parti del corpo; e le linee traverse della rete ti mostreranno quanto è più alto nel posare sopra una gamba1 che l’altra, e così i fianchi, le ginocchia ed i piedi.

Ma ferma sempre la rete per linea perpendicolare, ed in effetto, tutte le parti che tu vedi che il nudo piglia della rete, fa che il tuo nudo disegnato pigli della rete disegnata. I quadri disegnati possono essere tanto minori che quelli della rete, quanto tu vuoi che la tua figura sia minore che la naturale. Di poi tienti a mente, nelle figure che farai, la regola dello scontro delle membra come te le mostrò la rete; la quale dev’essere alta tre braccia e mezzo, e larga tre, distante da te braccia sette, ed appresso al nudo braccia uno.


95. In qual tempo si deve studiare la elezione delle cose.

Le veglie dell’invernata devono essere dai giovani usate negli studi delle cose apparecchiate la state, cioè si deve riunire insieme tutti i nudi fatti nella state, e fare elezione delle migliori membra e migliori corpi e metterli in pratica e bene a mente.


L. da VinciTrattato della pittura. 7
  1. L’edizione viennese propone l’aggiunta: «l’una delle spalle».