Pagina:Leonardo prosatore.djvu/272

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
268


più volte ho preso sicurtà di scrivere, e di ricordare a quella la promessa fattami a l’ultima partita, cioè la possessione di quelle dodici oncie d’acqua donatemi dal Cristianissimo Re. Vostra Signoria sa che io non entrai in essa possessione, perchè in quel tempo ch’ella mi fu donata era carestia d’acqua nel Navilio, sì pel gran secco, come pel non essere ancora moderati li sua bocchelli; ma mi fu promesso da Vostra Eccellenzia che, fatta tal moderazione, io avrei l’antento mio. Di poi, intendendo essere acconcio il Navilio, io scrissi più volte a V. S. e a Messer Girolamo da Cusano, che ha appresso di se la carta di tal donazione, e così scrissi al Corigero, e mai ebbi risposta. Ora io mando costì Salai, mio discepolo, apportatore di questa, al quale V. S. potrà dire a bocca tutto quel ch’è seguito, della qual cosa i’ priego Vostra Eccellenzia.

A Messer Francesco Melzi.

Buon dì, messer Francesco, puollo fare Iddio che, di tante lettere ch’io v’ho scritto, che mai voi no m’abbiate risposto? Or aspettate ch’io venga costà, per Dio, ch’io vi farò tanto scrivere, che forse vi rincrescerà.

Caro mio messer Francesco, io mando costì Salai, per intendere della Magnificenzia del Presidente che fine ha uta quella moderazione dell’acqua, che alla mia partita fu ordinata per li bocchelli del Navilio;