Pagina:Leonardo prosatore.djvu/315

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

311


Struzzo.

Lo strugolo colla sapienza fa nascere i figlioli1.


Spola.

Tanto mi moverò che la tela fia finita.


Motti per un emblema della generosità.

Prima privato di moto che stanco di giovare.

Mancherà prima il moto che’l giovamento.

Prima morte che stanchezza.

Non mi stanco nel giovare: è motto da carnovale.

Sine lassitudine.

Non mi sazio di servire.

Tutte le opere non son per istancarmi.


Ingratitudine.

Il legno notrica il foco che lo consuma.

Quando apparisce il sole che scaccia le tenebre in comune, tu spegni il lume che te le scasciava in particulare a tua necessità e commodità.

  1. Dicevasi che lo struzzo covava le ova con la vista.