Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XXVII. AMORE E MORTE 103 come per questo a perigliar fu pronto : eh'ove tu porgi aita, Amor, nasce il coraggio, o si ridesta; e sapiente in opre, 25 non in pensiero invan, siccome suole, divien l’umana prole. Quando novellamente nasce nel cor profondo un amoroso affetto, 30 languido e stanco insiem con esso in petto un desiderio di morir si sente : come, non so : ma tale d’amor vero e possente è il primo effetto. Forse gli occhi spaura 35 allor questo deserto : a sé la terra forse il mortale inabitabil fatta vede ornai senza quella nova, sola, infinita felicità che il suo pensier figura : 40 ma per cagion di lei grave procella presentendo in suo cor, brama quiete, brama raccorsi in porto dinanzi al fìer disio, che già, rugghiando, intorno intorno oscura. 45 Poi, quando tutto avvolge la formidabil possa, e fulmina nel cor l’invitta cura, quante volte implorata con desiderio intenso, 50 Morte, sei tu dall’affannoso amante! quante la sera, e quante abbandonando all’alba il corpo stanco, sé beato chiamò s’indi giammai non rilevasse il fianco,