Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


6 90 95 ioo 105 I IO 1 r5 120 CANTI

qual nell’acerbo fato amor vi trasse?
Come si lieta, o figli,
l’ora estrema vi parve, onde ridenti
correste al passo lacrimoso e duro?
Parea ch’a danza e non a morte andasse
ciascun de’vostri, o a splendido convito:
ma v’attendea lo scuro
Tartaro, e l’onda morta;
né le spose vi foro o i figli accanto
quando su l’aspro lito
senza baci moriste e senza pianto.
Ma non senza de’ Persi orrida pena
ed immortale angoscia.
Come lion di tori entro una mandra
or salta a quello in tergo e si gli scava
con le zanne la schiena,
or questo fianco addenta or quella coscia ;
tal fra le Perse torme infuriava
l’ira de’greci petti e la virtute.
Ve’ cavalli supini e cavalieri ;
vedi intralciare ai vinti
la fuga i carri e le tende cadute,
e correr fra’ primieri
pallido e scapigliato esso tiranno;
ve’ come infusi e tinti
del barbarico sangue i greci eroi,
cagione ai Persi d’infinito affanno,
a poco a poco vinti dalle piaghe,
l’un sopra l’altro cade. Oh viva, oh viva:
beatissimi voi
mentre nel mondo si favelli o scriva.
Prima divelte, in mar precipitando,
spente nell’imo strideran le stelle,
che la memoria e il vostro

I.