Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XXXIII. IL TRAMONTO DELLA LUNA l 29 alla qual poscia seguitando il sole, e folgorando intorno 60 con sue fiamme possenti, di lucidi torrenti inonderà con voi gli eterei campi. Ma la vita mortai, poi che la bella giovinezza spari, non si colora 65 d’altra luce giammai, né d’altra aurora. Vedova è insino al fine; ed alla notte che l’altre etadi oscura, segno poser gli Dei la sepoltura. , G. Leopardi, Opere-1. 9