Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/245

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


VARIANTI 239 27. Nr: sollazzi al suo povero ostello, 28. Nr, B26: core 29. Nr, B26, F: passa 32. Nr, B26, F: e si travolge il tempo 33- Nr, B26, F: dov’è ’l suono 34. Nr, B26, F: dov’è ’l grido 35- Nr, B26, F: e ’l grande 36. Nr: Roma; e l’armi e’l fragorio B26, F: l’armi e ’l fragorio 38. Nr, B26: silenzio e pace, e tutto cheto 39. Nr, B26: È ’l mondo, e più di lor non si favella. F: non si favella. 42. Nr, B26: doloroso e desto 43. Nr: le piume, e per la muta notte B26: e per la muta notte 44. Nr: Questo canto che udia per lo sentiero B26: Questo canto ch’udia per lo sentiero 46. Nr, B26; Al modo istesso F: Pur XIV Alla luna La ricordanza \ Idillio III in Nr e in B^. 2. Nr, B26: un anno, sopra questo poggio F: io sovra 3. Nr, B2«, F: Venia carco 8. Nr, B26, F: apparia; ché xi. Nr, B26, F: e ’l noverar 12 sgg. Nr: Oh come grato occorre Il sovvenir de le passate cose Ancor che triste, e ancor che il pianto [duri ! B26, F, N: Oh come grato occorre Il sovvenir de le [N: delle] passate cose, Ancor che triste, e ancor che il pianto [duri.