Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


V A UN VINCITORE NEL PALLONE

Di gloria il viso e la gioconda voce,
garzon bennato, apprendi,
e quanto al femminile ozio sovrasti
la sudata virtude. Attendi attendi,
5 magnanimo campion (s’alla veloce
piena degli anni il tuo valor contrasti
la spoglia di tuo nome), attendi e il core
movi ad alto desio. Te l’echeggiante
arena e il circo, e te fremendo appella
io ai fatti illustri il popolar favore;
te rigoglioso dell’età novella
oggi la patria cara
gli antichi esempi a rinnovar prepara.
Del barbarico sangue in Maratona
15 non colorò la destra
quei che gli atleti ignudi e il campo eleo,
che stupido mirò l’ardua palestra,
né la palma beata e la corona
d’emula brama il punse. E nell’Alfeo
20 forse le chiome polverose e i fianchi
delle cavalle vincitrici asterse
tal che le greche insegne e il greco acciaro

CANTI <