Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/9

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


I ALL’ ITALIA

O patria mia, vedo le mura e gli archi
e le colonne e i simulacri e Terme
torri degli avi nostri,
ma la gloria non vedo,
5 non vedo il lauro e il ferro ond’eran carchi
i nostri padri antichi. Or fatta inerme,
nuda la fronte e nudo il petto mostri.
Oimè quante ferite,
che lividor, che sangue! oh qual ti veggio,
io formosissima donna! Io chiedo al cielo
e al mondo: dite dite;
chi la ridusse a tale? E questo è peggio,
che di catene ha carche ambe le braccia;
si che sparte le chiome e senza velo
15 siede in terra negletta e sconsolata,
nascondendo la faccia
tra le ginocchia, e piange.
Piangi, che ben hai donde, Italia mia,
le genti a vincer nata
20 e nella fausta sorte e nella ria.

CANTI <